La mia foto

motori di ricerca

marzo 2009

lun mar mer gio ven sab dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

« IL TESTAMENTO BIOLOGICO | Principale | NUCLEARE? NO GRAZIE »

Commenti

I Care

Che piacere aver ricevuto il tuo commento al mio post! E che piacere sapere che stai meglio :)
Per quanto riguarda il tuo post sono choccata per ciò che succede e ancora sono choccata per quanto hanno fatto e detto che autorità ecclesiastiche: invece di prendersela con il patrigno stupratore, verso cui dovrebbe andare l'unanime condanna del consesso civile, scomunicano i medici. Come si dice? Non c'è più mondo, non c'è più religione!

Maria Grazia

Oggi giorno 8 è simbolo delle battaglie delle donne che con il loro sacrificio e l’impegno hanno cercato di far riconoscere e difendere i nostri diritti. Un simbolo che costantemente si deve innalzare ancora oggi perché sono forti i nostri rischi che percuotono le menti altrui, in ogni spazio del mondo e nelle diverse fette di società e tra i nostri governanti.
Mi piace il tuo post…molto articolato e nello stesso tempo essenziale e chiaro per ribadire un concetto determinante. Ancora questa mattina mi sono aggiornata sull'episodio alquanto deplorevole per come sia stato trattato dalla chiesa, la casa di Dio…ma io nn credo che questi intermediari portino la voce di Dio ma solo un pensiero di comodo.
Non si può non considerare anche la mamma, cioè una bambina che mette la sua vita a rischio.
Chiedo alla chiesa perché una bambina di solo 9 anni non ha lo stesso diritto alla vita?
Perché vogliono che lei corra i grossi rischi?
Che significato ha parlare di “diritto alla vita”?
Non c’è alcuna logica ma solo un radicale estremismo.
Poi dovrei parlare anche di violenza subita, di stato sociale, di prevenzione…ma se il nostro governo i primi tagli che ha fatto è proprio sul sociale, sulla sanità, sulla scuola…
Mi sembra proprio un gatto che si morde la coda.
Come si può intervenire su quelle fasce sociali più deboli, come si possono prevenire le violenze…sui bambini e sulle bambine, sulle donne se la scuola non ha più tanti finanziamenti per poter fare formazione, se la sanità con l’assistenza sociale nn ha più tanti finanziamenti per poter coprire l’attenzione e la cura su quelle fasce dei più deboli?

I commenti per questa nota sono chiusi.