La mia foto

motori di ricerca

marzo 2009

lun mar mer gio ven sab dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

« ALLA RICERCA DEL POSTO MIGLIORE | Principale | TORNA LO SCUDO CROCIATO? »

Commenti

caio

Quello del consumo di suolo e di spazio è un problema che da noi è particolarmente drammatico, per la sua progressiva espansione. Non sono un esperto, ma trovo assurdo che logiche speculative e “nonsensi” politico-amministrativi deteriorino o distruggano beni vitali e non riproducibili, senza valutazioni né contropartite. Oltre che per gli interessi del mercato immobiliare diventa conveniente l’attività edificatoria anche per le amministrazioni locali che in tal modo rimpinguano i loro bilanci attraverso gli oneri di urbanizzazione e l’ICI (molto spesso in mancanza, peraltro, di una pianificazione adeguata). Non a caso è un fenomeno, questo, di cui si parla poco: il cittadino è vittima; portatore di interessi di convivenza e socialità, non certo economici.
Quanto alla viabilità ha già detto tutto il post. Anche qui sottolineo come manchi un efficace coordinamento normativo che sia di guida ai vari livelli di governo. Nei comuni medio-piccoli, ad es., le iniziative in materia urbanistica vengano spesso adottate senza concertazione e programmazione coi comuni limitrofi, creando "isole" non comunicanti nè armoniche. Ed aggravando i problemi.
Spero che l'iniziativa di SD sia concreta e realizzabile. Se non altro serva perchè se ne cominci a discutere.

I commenti per questa nota sono chiusi.