La mia foto

motori di ricerca

marzo 2009

lun mar mer gio ven sab dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

« NON CI VERGOGNIAMO PER LE STESSE COSE | Principale | GIORNATA DEI PEDOFILI, CHE VERGOGNA »

Commenti

paolo

Domenica sera, sul tardi, è stato tramessa un'intervista al ministro Padoa Schioppa da parte del direttore del tg1, Gianni Riotta. Nonostante siano stati ospitati diversi interventi di esponenti dell'opposizione sono scoppiate le solite polemiche sulla presunta violazione della par condicio in quanto le urne per i ballottaggi erano ancora aperte. Il giorno dopo inoltre, un giornale facente riferimento all'area del centrodestra ha sintetizzato l'intervista titolando "Al ministro piacciono le tasse". Io ho assistito con attenzione a tutto quello che ha detto il ministro Padoa Schioppa e devo dire che ne ho ricevuto l'impressione di una persona capace, equilibrata, che ha esposto la grave situazione economica e non solo in cui si trovava e in parte si trova ancora il paese con pacatezza e pragmatismo senza indulgere a facili demagogie tipiche della politica urlata ma vuota. In altre parole, credo di non esagerare se mi è sembrato di assistere alla performance di un "marziano" in un posto di "nani e ballerine". Speriamo che anche il nostro paese prima o poi se ne renda conto.

caio

Un giorno si potrà discutere ed analizzare serenamente dei profondi guasti e delle storture apportate da questa Destra alle regole istituzionali ed all'etica democratca di questo Paese. Fino ad allora saremo costretti a subire questo stillicidio fatto di sottoboschi massoni e di mistificazioni mediatiche. Questo sia detto senza con ciò giustificare le carenze del cs che, quando ha potuto, non ha nemmeno cercato di invertire questa tendenza ed ancora oggi, pur nella debolezza dei numeri, non riesce a trasmettere altro che le proprie divisioni (pur avendo operato positivamente, nel contesto dato). D'accordo che non siamo in un Paese normale, dove almeno opposizione e maggiormanza dovrebbero dialogare sui grandi temi strategici e riconoscere le comuni radici della democrazia in cui operano (siamo davvero il Paese delle banane); ma almeno evitare di offrire all'opinione pubblica solo (e continuamente) la merda, questo si. Intanto si può lavorare affinchè questa sinistra diventi grande. Abbia ideali da trasmettere e riforme profonde da proporre. Prima fra tutte quella di un'informazione libera, svincolata dai Partiti, in grado di svolgere la sua funzione di contrappeso e di controllo sul potere politico e di crescita delle coscienze, in luogo dell'accozzaglia attuale (con rarissime eccezioni) di accucciati alla politica senza dignità umana e professionale.

Finazio

Forse sbaglia a vergognarsi di essere di sinistra, a non fare cose di sinistra, a farsi ricattare dalla destra.

Giulio in Canada

Un bel post ed una serie di belle risposte. Anch'io ho potuto vedere Padoa-Schioppa alla RAI International. Mi piace l'analisi di Carla, che condivido. Mi sembra, pero', che l'effetto "apparenza" che Silvio padroneggia molto bene, ormai non inganna piu' come prima, come 10-15 anni fa. Avrete notato, ad esempio, che Silvio ed altri sono sempre circondati da folla, bandiere, gente che si spencola per toccarlo. Ma penso che ormai tutti l'hanno capito e per fortuna cominciano a guardare alle cose piu'in profondo. Il che, per se', non e' motivo di sollievo. In fondo sia Fini di Alleanza Nazionale, che la Lega -nel Nord- trasmettono un'immagine piu' seria, meno cialtrona, e pur sempre di buona visione -per chi ovviamente crede ai postulati che questi due partiti offrono.
E' qui, che entra la seconda parte del discorso.
Sono d'accordo: io stesso, a volte devo fare ricerca per capire meglio cosa di buono questo nostro governo ha fatto. Infatti, ed e' naturale, anch'io sono infastidito dal fumo che continua a spargersi ad arte.
Che Prodi e tutti gli altri scendano una buona volta dal cavallo bianco degli eroi dell'Apocalisse-e che comincino ad accettare le richieste di dialogo da parte di noi. Che comincino a capire che la nostra vita e' sempre piu' dura della loro, che ci rispettino perche' stiamo effettivamente pagando noi i conti in rosso... O forse si trovano piu' ad agio nel comunicare con noi tramite TV ?? come ha sempre fatto Silvio ???
Infine, per quanto riguarda il programma: non avevo fatto caso che era programmato nel mezzo di una tornata di elezioni. Ma da un Ministro, per quanto tecnico, mi aspetto che anche queste apparenze di scorrettezza siano controllate piu' rigorosamente--- io ne ho le palle piene di dover stare continuamente sulla difensiva!!! detto questo, il Padoa Schioppa mi ha convinto per capacita' ed onesta': non mi ha convinto su alcune scelte fatte, ne' mi ha convinto molto per quello che ha detto. Nel suo linguaggio ho notato persistenza nel puntare il dito verso tutti noi, come se dopo essere stati spremuti per pagare il debito accumulato -debito che e' finito a vantaggio di pochi, nel caso se lo dimentichi e non a nostro vantaggio-, adesso ci dobbiamo anche sentire colpevolizzati per fare poco e pretendere molto. Perche' quando lo Schioppa ha cominciato a riferirsi alle Responsabilita', ha costantemente usato il pronome Voi e Loro... Voi gli Italiani, e Loro gli Italiani... non e' corretto, anche se poi non mi aspettavo molto di piu'. Il tesoretto, che abbiamo creato noi stessi, sarebbe bene comincire a restituirlo a chi ne ha piu' bisogno: si puo' cominciare almeno dai pensionati che, non per loro colpe, si trovano sugli ultimi gradini della scala sociale: contano poco, non hanno potere, non hanno forza, nessuno li vuole !!!!
Tutto sommato, e a dispetto dell'anno brutto, orribile, il futuro potrebbe migliorare. Delle elezioni mi ha veramente dispiaciuto il risultato di Matera, citta' molto dimenticata ma sempre culturalmente all'avanguardia... mentre a Parma, forse, si sono viziati un po' troppo.... e che la smettesse di parlare di noialtri emigrati che facciamo l'italia fiera... Che coglionata !!! Una parte di noi e' totalmente Canadese, Argentina, Americana, eccetera -- a parte il calcio, il cibo, e le canzoni... Per questi l'Italia e' solo una meta di vacanza e monumenti, come tante altre mete. Poi c'e' un'altra parte di noi che ci si sta mangiando per poter tornare: visto che siamo cosi' bravi perche' non ci riprendete ?? se non lo siamo smettetela di scocciarci !!!

carla di ventidasinistra

Condivido tutto quello che avete scritto, come dire che le difficoltà del centro sinistra derivano da una marea di cose e non soltanto, è sicuro, dalla inadeguatezza della comunicazione.
Ma almeno su quella si potrebbe incidere in fretta ed unilateralmente!
Il guaio aggiuntivo è che in qualche modo ci stiamo facendo gestire dalle trovate della destra, che la comunicazione la padroneggia alla grande!
In questo momento nessuno sa per certo chi ha fatto cosa e se persone ritenute fin qui corrette sono invece dei traffichini: è un danno serio, e a sinistra difficilmente recuperabile (mentre come diceva stasera Travaglio in TV, la destra non si fa problemi se c'è un Previti in Parlamento).
Giulio, ma sei proprio sicuro di voler tornare in questo casino?
sorrisi, carla

I commenti per questa nota sono chiusi.