La mia foto

motori di ricerca

marzo 2009

lun mar mer gio ven sab dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

« LA QUESTIONE MORALE | Principale | LE PAROLE DA SCEGLIERE »

Commenti

paolo

Questo episodio casca come il cacio sui maccheroni dopo le recenti polemiche riguardanti i privilegi e i costi della politica. Certo il senatore in questione non ha scelto il momento più opportuno per la sua, come dire e a voler essere indulgenti, bravata. Io vorrei cercare, nonostante tutto e nonostante la scarsa simpatia per l'ex direttore del GR2 o forse proprio per questo, qualche attenuante, se possibile. Per esempio, il caldo, l'età, o forse il fatto che a ognuno di noi nella vita può capitare di perdere il controllo dei neuroni e commettere qualche stronzata. Quello che però trovo inconcepibile e tremendamente irritante è che dopo, a freddo, passata la "sbornia", non si trovi il semplice buon senso e l'intelligenza di scusarsi e di pagare di persona per quello che si è fatto invece di polemizzare con chi prestava la propria opera per un servizio di emergenza.
"Un uomo non potrebbe mai vergognarsi di confessare di aver avuto torto; che poi è come dire, in altre parole, che oggi è più saggio di quanto non fosse ieri". Jonathan Swift.

carla di ventidasinistra

Quante persone conosci che siano capaci di riconoscere un proprio torto e chedere scusa ad alta voce?
Figurati uno come Selva, "con la puzza sotto il naso" come si dice a Roma, già quando era solo giornalista...

I commenti per questa nota sono chiusi.