La mia foto

motori di ricerca

marzo 2009

lun mar mer gio ven sab dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

« PRIMO MAGGIO ... E GLI INFORTUNI CONTINUANO | Principale | ESISTONO ANCORA GLI EUNUCHI!!!!! »

Commenti

Paola dei gatti

anch'io resto sempre di fronte al cane, senza paura ma con prudenza e parlandogli col linguaggio degli occhi e del corpo, più che con le parole,non gli impongo la carezza aspetto che sia lui, dopo che ha annusato la mano a leccarla, ad affidarmi il miso o a ritrasi

Giulio dal Canada

Ciao Carla: mi piace leggere questi discorsi sui cani, anche se non ne ho uno.... Spero che i tuoi siano Laici, favorevoli ai DICO, abbiano una scettica simpatia per Prodi, e siano Romanisti..: ))

Giulio dal Canada

...domenticavo: ne ho incontrati due in ascensore, questa mattina: un bel Pastore bianco, ed un piccolino nero... I padroni sono in genere un po' -non so- preoccupati per il conforto di chi altro e' nell'ascensore. Ho detto alla padrona subito: "non si preoccupi, mi piacciono i cani".. Il piccolino mi ha ignorato del tutto, il Pastore ha messo il naso sul palmo che gli ho offerto, ma poi ha cominciato a fissare la porta...e, la padrona mi ha detto che il Pastore e' nervoso in ascensore, non si sente a suo agio, probabilmente perche' sa che la porta si puo' aprire molte volte -con gente che esce ed entra- prima che arrivi il suo turno di scendere.... :-)

Arruffata

Sono molto utili questi tuoi post, e me li divoro.
probabilmente, nel mio commento sulla "prima puntata" mi sono spiegata male: quando ci si avvicina ad un cane, non intendevo che noi dobbiamo metterci a lato ma che, standogli di fronte, e meglio mostrargli il nostro fianco e, come dici tu, abbassarci. Un leccata dolce dolce dal "pericolosissimo" Diablo.

I commenti per questa nota sono chiusi.