La mia foto

motori di ricerca

marzo 2009

lun mar mer gio ven sab dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

« ELIMINATA LA BOSSI-FINI | Principale | LA RESISTENZA PER I GIOVANI »

Commenti

Giulio dal Canada

Carla: un po' di confusione qui - sono abituato alle ampie approssimazioni di Repubblica, ma visto che hai tirato fuori l'argomento, solo per amor di chiarezza.
Ci sono un'infinita' di lotterie. Io ne gioco tre alla settimana (tot. 12 dollari; circa 8 euro). Quelle che gioco io pagano tutto e subito, come nella maggioranza. Pero' ce ne sono alcune che in caso di vincita, pagano un tanto alla settimana per un tanto di anni. Quella che c'e' qui, ad esempio, paga 1000 dollari alla settimana (cioe' 52,000 all'anno) per venti anni. Questo lo sappiamo in partenza (io questa non la gioco).
Quel poveraccio di Wayne ha avuto la sfortuna di vincere quella sbagliata.

Detto questo, poi, valuto poi gli altri aspetti della vicenda - e sono molto 'incazzato' per come Mr. Wayne e' stato trattato. Non e' una questione di burocrazia ma di 'Corporazioni' - che, di natura, mirano al massimo profitto - male se ci sono delle vittime lungo la strada. Non so ancora molto a proposito di questa storia -mi piacerebbe scoprirla al di la' di quello che dice Repubblica, proprio per le troppe approssimazioni di quetso giornale (e si' che una volta si distingueva per essere preciso).

Quello che dici a proposito dei sistemi sanitari e' giusto in parte. Anche in Italia, la velocita' del Servzio e' proporzionale alle risorse economiche del paziente. E se le tue risorse rientrano nella media, il servizio e' mediamente veloce. Me lo dice mia madre, quando mi parla die problemi che stanno affrontando con mio padre abbastanza malato..

Una nota positiva e' che io stesso, che manco da moltissimo, mi sono accorto che i servizi che mio padre ha potuto utilizzare sono molto migliori rispetto al passato. Una cosa sicura e', pero', che mia madre ed altri parenti hanno lamentato lunghezze incredibile, lunghissime camminate da una clinica ad un'altra, difficolta' di parcheggio, e un po' tutto il resto- al contrario mi hanno riferito di Personale molto ben preparato !!

Sempre per correttezza: una volta (1998) finii in Ospedale a New York, Harlem Hospital. Si presero cura di me (qualche ora), ma mai mi fu richiesta ne' l'assicurazione (che mi era anche scaduta), ne' del denaro... A volte, molte volte, forse sempre, dipende da chi incontri. Il bravo Wayne si e' trovato di fronte i peggiori...

Paola  dei gatti

kafka!

I commenti per questa nota sono chiusi.